I
Nota: nel dialetto trapanese diverse parole inizianti con la "i" subiscono l'afèresi, cioé la caduta della prima lettera o sillaba. Vanno pertanto cercate nell'ambito dell'ordine alfabetico della lettera iniziale residuante (generalmente "'m" o in "n").
'I per elisione di Li = I, li, gli, le ( articoli o pronomi plurali invariabili nel genere)
Iccàri = buttare. Meno usato di -> Ittàri
Ìcchisi = ettera dell'alfabeto: x
IÌddra (illa) = lei - Ìddri (illi, illae) = loro - Ìddru (ille) = lui (usati come pronomi)
Cu ci-'u va a cuntàri a ìddra? = Chi va a raccontarlo a lei?
Ìddri fòru! = Sono stati loro ( a dire, fare qualcosa già esposto)
Ìddru= in funzione avverbiale assume vari significati
Ìddru, giustu è chi ...? = Vorresti sostenere che sia giusto che ....
Ìddru, abbèru tu 'u rici! = Allora seriamente tu lo dici!
Ìddru accussì si fa? = Forse che questo è il modo di agire?
Ìddru chissu iò ti fici? = Ma perchè, forse che io ti ho fatto questo?
Ìddru veru beddra è 'sta picciòtta! = In verità è proprio bella questa ragazza!
Ìddru, 'u cicirèddru puru pisci è? (lett: Diamine, forse che i pescetti valgono come fossero già veri pesci ?)
= Citato per snobbare il parere di un ragazzino che si propone come se fosse già un adulto
'Imènta = giumenta
Immu = gobba
Immurutu = gobbo
'U immurutu pi' la via 'u so' immu 'un s'u virìa = (lett.: il gobbo strada facendo ( cioè agendo) non si accorge della sua gobba
= Nessuno si accorge dei propri difetti
Mi pari 'u immurutèddru supra-'u-scògghiu (lett.: Mi sembri un gobetto sullo scoglio)(alla mercè del mare)
= Di uno che nato già disgraziato si trovi in mezzo a guai troppo più grandi di lui
Incancaràtu o incancarùtu = diventato cancrenoso
Incancarìri = diventare o lasciar diventare cancrenoso
Inchimèntu = Riempimento, ricolmatura di avvallanti , fossati ecc. con materiali solidi. --> Incùta
Ìnchiri = riempire (pp = incùtu)
'Ulìri inchiri acqua c ' 'a cartèddra (lett.: voler raccogliere acqua con la cesta di vimini)
= Intestardirsi nell'usare strumenti chiaramente inadatti al compito da portare a termine
!!!!: Iri a-ggh-inchiri l'acqua = Andare a rifornirsi d'acqua
Incucchiàri = mettere insieme a coppia, unire a due a due, congiungere due cose
V'incòcchiu 'i testi! = (minaccia pesante rivolta simultaneamente a più persone: quella di battere una testa contro l'altra con forza sufficiente a far sì che restino una appiccicata all'altra)
Incucchiàrisi = mettersi insieme di due persone, fondersi, congiungersi anche nel senso sessuale
Incucchiàta = l'atto di mettersi o di essersi messi insieme, accoppiamento
Incùta ( ppf di ìnchiri e sostantivo) = la riempita, il riempimento, l'atto del riempire o dell'aver riempito
Ìndici = indice, il dito indice
Cull'ìndici e pòllici = ( prendere o trattare qualcosa con delicatezza, ma affettatamente e quindi, spesso, in modo criticabile o ridicolo. -> 'N-Puntètta
Indivìduu = 1.individuo, soggetto singolo, ogni singolo essere che costituisce un'unità distinta di una specie - 2. persona singola intesa in senso scostante e deteriore quasi non appartenente al genere umano
Infraricìri = infradicire, diventare fradicio
Infrariciùtu o infrariciàtu = infradicito, diventato fradicio (anche in senso morale)
Infuddrimènto = ammattimento, il non riuscire a seguire il bandolo per l'eccessivo impegno richiesto da una determinata applicazione
Infuddrìri = 1.impazzire, diventare folli - 2. perdere momentaneamente il controllo di sé - 3. innamorarsi eccessivamente di qualcuno o qualcosa
Infuddrùtu = 1.impazzito - 2. innamorato eccessivamente
Ingiuriàri = 1. ingiuriare, offendere, denigrare - 2. mettere una -> "'ngiuria", cioè un soprannome a qualcuno
Inìa = 1. iella - 2.genìa, origine: da cui carattere
Malu-inìa = di bambino o di un uomo dal cattivo carattere congenito
'Innàru = gennaio
Cucùzzi, a (san)gn'innàru! = Cocuzze, a (san) gennaio! [impossibile, una volta!] = Stai fresco!
= io (unica forma trapanese del pron. personale soggetto di 1ª persona maschile e femminile)
Iòcu = gioco
[ per i vari giochi popolari --> Autru: Giochi]
Iòrnu = giorno
Bongiòrnu! = Buongiorno!
'St'iòrnu = oggi, questo giorno
Mègghiu un ovu st'iòrnu, chi 'na addrìna dumàni = Meglio un uovo oggi che una gallina domani
Di iòrnu 'un ni 'ògghiu, e a' notti spardu l'ògghiu = Di giorno non ho voglia (di lavorare, studiare ecc.) , la notte sciupo l'olio (della candela)
= sottolinea la irrazionalità ed improduttività di certo modo di procedere
Iòviri = giovedì
Iòviri, 'un ti mòviri = di giovedì non intraprendere niente --> Autru: Scioglilingua e filastrocche
Iòviri-ràssu: cù 'un-n'avi rinàri si 'mpìgna 'u mustàzzu [lett.: Giovedì grasso: chi non ha soldi dà in pegno i baffi (cioè quello che ha)]
= Quando arriva il momento, anche chi non ha soldi trova il modo di procurarsi il necessario per divertirsi
Ìri = andare
Indicativo presente: vàiu, vài, va, ému, ìti, vànnu
Indicativo imperfetto: ìa, ivi, ìa, ìamu, ìavu o ìvu, ìanu
Passato remoto: ìvi, isti, ìu, èmu, istu o ìstivu, èru
Forma congiuntivale: issi, issi, isse, ìssimu, ìssivu, ìssiro
Participio passato: iùtu
Gerundio: ènnu
Imperativo : va, èmu, iti, ìssiro
Forme particolari: davanti ad "a" o ad "ha"
infinito presente: gghìri
Participio passato: gghiùtu
Èmu-nìnni o Èmu-sìnne = andiamocene
Va-cùrcati 'e pèri! [lett.: vai a coricarti ai piedi (del letto)!] = Smettila, mettiti da parte, non è cosa per te!
Va-sùca! = Vai a succhiare (bamboccio)!
Va-rùna 'u culu, Va-ffa 'nculu, Va-caca:alcune amenità linguistiche di immediata trasparenza ed effetto
Ci àiu a-gghìri = ci devo andare
'Un ci ha-gghiùtu = non c'è andato
Facìssi mègghiu a-gghirisìnni = farebbe meglio ad andarsene
Iri 'nfacci r'autru = andare alle dipendenze altrui
Iri a-patrùni = andare a servizio domestico
Iri ciddriànnu o aciddriànnu = fare come gli uccelli, andare di qua e di là senza una motivazione apparente
Fàri-ìri = consumare, sciupare
Iri pi-setti e pi-r-ottu = agitatarsi disordinatamente, scombussolarsi
Quannu va, pari chi vèni (lett.: quando va, sembra che venga, torni) = (ironico commento al modo di essere del ritardatario abituale)
Iri 'n-facci 'i baddri = affrontare la prova del fuoco o comunque una prova severa
Iri cài-cài = procedere con fatica, stentatamente
Agghìri [a(ggh)iri = ad andare ] = nei dintorni, verso: agghìri-cà = verso qua,da queste parti; agghìri-drà= verso là, da quelle parti
Si passi agghìri-ca, vènimi a truvàri = Se ti trovi a passare nei dintorni, da queste parti, vieni a trovarmi
'Iritàli = ditale (da sarta)
'Iritèddru = ditino, il dito mignolo
Si carìu l'anèddru, 'un-n'è carutu 'u iritèddru! = Se è caduto l'anello, non è caduto il dito!
= proposizione di chi, pur caduto in disgrazia, mantiene l'antico orgoglio [ noblesse oblige]
'Ìritu = dito
Si, nìcu è! Mèttici 'u 'ìritu 'n-mùcca! = Si, piccolo (ragazzino) è! Mettigli il tuo dito in bocca (e vedrai se non ha già i denti)!
= quando qualcuno si mostra perplesso o manifesta dubbi sulla maturità precoce di un ragazzino
Isàri o Aisàri = 1.alzare, sollevare - 2.marinaresco -> issare
Ìsa! (o Ìssa!) = esortativo piuttosto imperativo per regolare la sincronia degli sforzi collettivi nel sollevare un peso
Isca = esca
Si mangiàu l'ìsca e ci cacàu nall'àmu! [lett.: Il pesce si è mangiato l'esca e ha cacato sull'amo (del pescatore)]
= 1.ad indicare l'ingrato che, dopo averne approfittato, ripaga con uno sgarbo la gentilezza altrui
= 2. per plaudire l'intelligenza di chi punisce duramente l'altrui carità pelosa
Issìari = -> termini marinareschi
Isula = -> termini marinareschi
'Ittàri o Iccàri o Gghittàri = gettare, buttare
'Ètta sànghu! = Ti venisse uno sbocco di sangue!
'Èttati a màri cù l'acqua a nèsciri (du portu )= Bùttati a mare quando l'acqua esce (dal porto)
(cioè quando, arrivando, la bassa marea può portarti fuori dal porto, a largo, negandoti così la possibilità di continuare ad ammorbarci)
Ittàri un sàutu = sobbalzare, fare un salto
Ittàri astìmi = scagliare malauguri, invocare malefici contro qualcuno
Ittàri botti = fare allusioni malevoli, provocare qualcuno subdolamente con accenni poco chiari
Botti 'ètta, Riòli! = Detto che equivale a: fare una allusione su di un'altra allusione. Riòli infatti è un illustre sconosciuto che vale quanto un innominato che, nel contesto, tutti possono individuare
Ti n'a-gghìri a gghittàri = (te ne) devi andare a buttarti
Iccàri l'acqui fòra = buttare le acque (del parto) fuori (di casa)[per la nascita di un maschio]
'U cèlu lu ittàu, e 'a terra l'apparàu (lett.: il cielo lo ha buttato e la terra lo ha accolto)
= si dice di una persona priva di affetti e di appoggi, di un figlio di nessuno che per vivere deve provvedere da sè a tutto
Iucalòru =articolazione ossea mobile ( polso, gomito, ginocchio etc.)
Iucàri = giocare (in tutti i sensi)
Iucàri a futti-cumpagnu = agire slealmente in danno del compagno (socio, amico)
Iucàri di cura = ingannare, tradire (lett.: giocare di coda come lo scorpione)
Iucàri cu du' mazza 'e càrti (lett.: giocare con due mazzi di carte) = ( fig.) fare il doppio gioco, tenere i piedi in duestaffe
Iucàrisi 'a-spìsa = (fig.) esercitare la prostituzione saltuariamente per incrementare le proprie entrate
Iucàrisi l'assu = Servirsi dell'estrema ratio, della carta decisiva
Iucari a ... = giocare a ..., fare il gioco.. -> Autru: Giochi
Iucàta = 1.giocata, puntata, partita - 2. mossa del gioco
Iucàta 'o lottu = la puntata al lotto
'A iucàta 'o pallùni = la partita di calcio
Fàri 'a so' iucàta = 1. fare la propria mossa in un gioco ( a dama, a scacchi, al gioco delle carte etc.) o, anche, nelle relazioni umane
Iucatùri = chi ha il gioco come professione o come vizio
Iuculànu = giocherellone
Iuculuttàru = chi è patito del gioco del lotto, chi gioca a lotto per compulsione psicologica
Iùnciri = 1. giungere, raggiungere, arrivare - 2. unire, attaccare, mettere insieme, assommare
Participio passato (nell'accezione di arrivato): iùntu [ghiùntu davanti all'ausiliare]
Participio passato (nell'accezione di unito): iunciùtu [ghiunciùtu davanti alla "a" o all'ausiliare ]
Va' iùncilu ! = vai a raggiungerlo!
'Iuncèru du' pezze e ficiru 'n'àbbitu = Hanno messo insieme, unito, cucito, due stracci e ne hanno fatto un abito
'Un ci-a-sàppiru a ghiùnciri du' pezze! = Non sono stati capaci di mettere insieme, cucire, due pezze(di stoffa), due stracci!
Iuncìu! = Iùntu è! = È arrivato!
Ma, cu'-c-cù ti iùnci? = Ma con chi ti unisci, ti metti insieme? [in senso fortemente negativo]
Iùnciti cu' chìddri mègliu-ri-tìa e pàcaci 'i spìsi = Unisciti, vai insieme a quelli migliori di te e paga pure loro le spese
Si iuncèru: Cricchi, Crocchi e Malancunìa! (ironia su un gruppo di soggetti senza qualità).
Iùncu (o gniùncu) = giunco (pianta tipica di zone acquitrinose, con fusto e foglie di forma cilindrica, usata, assieme ai rami delle tamerici (pianta arbustacea spontanea sui litorali), per costruire i -> nassi (le nasse)
Un gniùncu = un giunco
Calati iùncu, chi' passa la china! = (lett.: piegati, giunco, perché sta arrivando la piena)
=(fig.): in circostanze eccezionalmente avverse (la piena) è conveniente piegarsi (fingendo di cedere) in attesa di tempi migliori
'U miràculu di Santu-Iùntu: 'a addrìna nìura fici l'òvu biancu! = Il miracolo di Santo-Iùntu: la gallina nera ha fatto l'uovo bianco!
= (fig.): sottolinea, attraverso la citazione di un santo inesistente ed un fatto normale, l'insignificanza di una presunta impresa
Iùnta = 1.(sostantivo femm.) aggiunta, parte aggiunta - 2. (participio pass. di iùnciri) arrivata, sopraggiunta
Pi'-gghiùnta = 1.per giunta, per sovrappiù - 2. inoltre
Pi' supra-iùnta = 1.per sovappiù - 2. inoltre
Iurèo = 1.giudeo - 2. (senza connotati razzistici) brutto, cattivo ceffo
Fàcci-di-iurèo = (lett.: faccia di giudèo) soggetto dal cattivo animo tradito pure da una faccia antipatica
Iurèca = la giudecca, la zona di Trapani, prossima alla Chiesa di San Pietro, un tempo abitata dai giudei -> Autru:Luoghi
Iurìa = -> termini marinareschi
Iùrici = giudice
Chiacchiarìa chiossài d'un gniùrici-pòviru! = [lett.: Chiacchiera più di un giudice povero ( di argomentazioni giuridiche) !]
= riferito a chi, per glissare sul vero problema, ne aggiunge a iosa altri per confondere ed annacquare le eventuali responsabilità
'E tempi du Iùrici-Surra e du Capitànu Busunàgghia = lett.: Ai tempi del giudice Surra e del Capitano Busunaglia
= Come richiamo a tempi troppo antichi e quindi come sottolineatura di un anacronismo
Iùrici-giùstu = era una orazione particolare e speciale che una persona anziana recitava sottovoce e con fervida devozione a richiesta di un'altra persona desiderosa di notizie [in effetti di un oroscopo] di qualche familiare che si trovava lontano e in pericolo, in mare o in viaggio o addirittura in guerra. Il responso era considerato positivo o meno a seconda della maggiore o minore scorrevolezza della recitazione della officiante, la quale, strumento passivo di una forza misteriosa alla quale non può sottrarsi, si comportava come strumento passivo. Parimenti i -> nNimmi: recitata la preghiera all'aperto (magari alla finestra, o addirittura per strada) si cercava il responso nell'interpretazioni del primo accadimento esterno che si notava. Fatto o parole. È chiaro che si trattava di pratiche più affini all'esoterismo che alla pietà religiosa, e ciò non ostante i contenuti dei testi utilizzati. Vedi ->: Autru: Preghiere
Iurnàta = 1.giornata (come tempo) - 2.il lavoro di un giorno - 2. il salario del lavoro di un giorno - 4.giorno specificamente dedicato a ..
'A-matinàta fà 'a-iurnàta = La mattinata fa la giornata (cioè da quello che si riesce a fare al mattino dipende la resa di tutto il giorno)
'Iurnata...è! = È proprio una giornàta storta! È proprio questione di una giornata a carica negativa
Iurnàta-rutta, pèrdila tutta! = Se l'attività lavorativa comincia male per un qualsiasi motivo imprevisto, tanto vale per tutto quel giorno lasciar perdere il lavoro
Un-n'è iurnàta! = Non è giornata [proficua o adatta (a una cosa in particolare o a qualsiasi cosa)]!
Fari 'na iurnàta 'n-campàgna! = Lavorare per un giorno solo in campagna
Ta' pacàru 'a iurnàta? = Ti hanno pagato il salario del giorno di lavoro (che hai fatto)?
Pèrdiri 'a iurnàta = 1.non andare a lavorare per un giorno - 2. non riuscire a trovare lavoro per un giorno ( con le conseguenze economiche relative) - 3.bighellonare, non aver voglia di fare qualcosa di positivo
'A iurnàta da' fèra = il giorno in cui si tiene la fiera
Iurnatèri = lavoratore, in particolare agricolo, ingaggiato e pagato alla giornata
Iùsu =giù, in basso, di sotto, al piano sottostante
Iù-va! .. Iù-va! = Vergo-gna! Vergo-gna! Esclamazione scherzosa, ripetuta con insistenza, rivolta specialmente a ragazzini sorpresi in involontaria nudità. In realtà vale quanto un "Ti abbiamo visto (nudo)!". Niente di pruriginoso.